Come fare un portafoto da tavolo

5/5 - (1 vote)

Formato da una semplice base di legno, due vetri e una pinza, si può costruire con o senza macchine da falegnameria

Con quel contorno così trasparente, l’immagine sembra perfino un po’ sospesa nel vuoto e assume ancora più risalto: non c’è davvero paragone rispetto ai portafoto da tavolo tradizionali.
Tra l’altro, questo portafoto ha dalla sua anche il fatto che, pur prevedendo una base di legno, può essere costruito in proprio con estrema facilità, anche da chi non è avezzo ai lavori di falegnameria. Già, perché tutto si riduce a ricavare in un listello una gola con larghezza e profondità adeguate ad accogliere una coppia di vetri affiancati. E questo si può ottenere anche, anziché per asportazione, per aggiunta, cioè incollando assieme tre listelli scelti della sezione e del profilo opportuni.

I vetri, che qualunque vetraio taglia a misura (alla larghezza della foto occorre aggiungere almeno 10 o 20 mm per lato come contorno trasparente e all’altezza oltre a quelli un valore pari alla profondità della gola) e mola lungo i bordi, hanno di solito spessore dai 3 mm in su.
Quindi la gola dovrà essere larga 6 mm, meglio se appena appena abbondanti.
Quanto alle altre misure, siccome è raro esporre su un tavolo un’immagine molto grande, indicativamente una base con sezione compresa tra 25×30 e 30×40 mm basta e avanza. Per reggere i vetri in verticale con assoluta sicurezza sono senz’altro sufficienti 10 mm di profondità nella gola.
Chi ha una sega circolare, ma non una fresatrice, può aprire la gola anche con quella, aiutandosi con una guida parallela e facendo due o tre passate fino a ottenere la larghezza giusta.
Per ammorbidire gli spigoli ci si può anche limitare a un semplice smusso ottenuto a raspa o anche solo a carta vetrata, oppure piallarli un po’ con un attrezzo manuale e regolarizzare poi il profilo con un abrasivo, prima grossolano poi più fine.
Chi dispone della fresatrice probabilmente non ha bisogno di spiegazioni, perché sa già come usarla, ma se l’ha appena acquistata forse è bene sappia che deve lavorare sempre e solo uno spessore, una profondità o una larghezza modeste, altrimenti brucia il legno o, peggio, si blocca.

Due listelli a quarto di tondo incollati su uno rettangolare danno lo stesso risultato o, se quello è più largo, un profilo laterale diverso.
Gli spigoli possono essere stondati anche a mano.
Per lavorare la gola destinata ad accogliere i due vetri, la macchina più adatta è la fresatrice stazionaria. Per evitare di bruciare il legno, conviene procedere poco per volta, con più passate.
Lo stesso attrezzo serve poi, equipaggiato con una fresa a quarto di tondo concavo, per stondare gli spigoli superiori o, con frese diverse, per modanarli con altri profili.

Ti potrebbe interessare...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli simili

Ultimi articoli

Idee fai da te per saponi e profumi

Saponi e profumi fai da te si possono realizzare con facilità usando prodotti naturali rispettosi di salute e ambiente In commercio esistono tantissimi prodotti per...

Tenuta all’aria dei serramenti, l’importanza delle guarnizioni

Quando si parla di infissi spesso non ci si sofferma abbastanza nel valutare le caratteristiche delle guarnizioni che, nel loro insieme, concorrono a formare...

Costruire una libreria in bambù

Soluzioni di questo tipo si adattano alla casa al mare, oppure a chi ama uno stile etnico nella propria abitazione. Realizzare la libreria in...

Vuoi restare aggiornato e ricevere idee per la tua casa?

Lascia il tuo indirizzo e-mail e riceverai gli aggiornamenti del sito!