Sedie colorate di legno | Come recuperare vecchie sedute

Per recuperare vecchie sedie di legno bastano attrezzi manuali e meno di un paio d’ore di lavoro

I segni lasciati dal pennello e che vivacizzano le sedie colorate, improvvisamente diventano un pregio.
Dappertutto il “fatto a mano” (vero o finto che sia) riscuote grandi favori, tant’è vero che per imitarlo le industrie fanno in modo di produrre oggetti lievemente difettosi, che diano, appunto, l’impressione dell’inevitabile, sia pur minima, fallacia artigianale.

Sedie colorate con gli smalti

Limitando l’ambito agli smalti coprenti per legno, in commercio se ne trovano almeno due generi diversi in base al tipo di diluente (sintetici, che vogliono acquaragia, solvente sintetico o solvente alla nitro, oppure acrilici, detti anche all’acqua) e due o più secondo il tipo di finitura (lucida, satinata oppure opaca). Oggi, specialmente nell’ambito del fai da te, sono molto in voga gli smalti all’acqua, che non appestano l’aria con sgradevoli odori intossicanti, permettono una facile pulizia degli attrezzi, si stendono molto bene tanto a pennello o a rullo quanto a spruzzo e in genere danno risultati davvero buoni, sia dal punto di vista dell’estetica sia da quello della durata.

In realtà, in questi prodotti l’acqua non ha la funzione di diluente, quanto piuttosto quella di agente di trasporto e di inibitore della polimerizzazione: quando inizia a evaporare, le molecole semplici che in origine erano in sospensione si riuniscono e legano chimicamente a gruppi (in gergo scientifico, “polimerizzano”), originando un composto solido e abbastanza elastico.
L’intero processo richiede diverse decine di ore, ma la pellicola di smalto applicata è, come si suol dire, fuori polvere in una decina di minuti o poco più (anche meno nel caso di applicazione a spruzzo) e pronta a ricevere la seconda mano dopo poche ore.
Dato il grande successo di mercato riscosso dagli idrosmalti, in questi anni l’industria ha continuato a ritoccarne la formula e ora ne propone anche di validi che non richiedono alcuna mano di fondo preparatoria.
Per quanto riguarda il colore, qualunque rivenditore ben rifornito è in grado di fornire l’esatta gradazione desiderata, miscelando tra loro le tinte di base in proporzioni calibrate con il tintometro.

Come procedere

Le operazioni da eseguire per recuperare le sedie di legno sono:

  • Carteggiare il legno
  • Pulire la superficie
  • Colorare la sedia con lo smalto scelto

Come carteggiare

Anche una sedia in buono stato può non piacere più o non armonizzare bene con il resto dell’arredo.

Un semplice tondino di legno del diametro giusto funge da supporto rigido per la carta vetrata.
Il carteggiatore manuale così ottenuto permette di abradere le zone curve concave con semplici movimenti rotatori.

Sulle superfici piane di una certa ampiezza, il carteggiatore può essere costituito da un vecchio supporto per carta assorbente (al quale però l’abrasivo va applicato sul lato piatto), oppure da un blocchetto a forma di parallelepipedo con avvolta attorno la carta vetrata. Se lo strato di vernice da rimuovere è sottile, basta anche passare il foglio con il palmo della mano.

Terminata l’asportazione della vecchia finitura, prima di stendere la nuova occorre spolverare accuratamente, con pennello e panno asciutti, ogni angolo della superficie: altrimenti i granelli di polvere restano inglobati nella nuova rovinandone l’effetto estetico e, nei casi peggiori, impedendole almeno in parte di aggrapparsi al legno.

Per ottenere buoni risultati con lo smalto occorre usare un pennello morbido, stendere il prodotto con movimenti lungo vena a partire dall’alto ed evitare di ripassare sulle zone già trattate. Un foglio di giornale disteso sotto la sedia evita il rischio di imbrattare il pavimento con qualche goccia.
Articolo precedenteMensole in stile shabby chic
Articolo successivo4 lavabi fantasia

Ti potrebbe interessare...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli simili

Advertisment

Ultimi articoli

Bonsai in filo di rame

Il bonsai in filo di rame è realizzato con fili elettrici di recupero ed un minimo di spirito di osservazione per allestire...

Mollette di legno per realizzazioni craft

Con le vecchie mollette di legno, che si usano per stendere la biancheria, è possibile realizzare piccoli oggetti utili o solamente decorativi,...

Come essiccare i fiori

Come essiccare i fiori con pochi accorgimenti e semplici tecniche. Possiamo conservare anche in invernouna grande varietà di foglie e di fiori,...

Vuoi restare aggiornato e ricevere idee per la tua casa?

Lascia il tuo indirizzo e-mail e riceverai gli aggiornamenti del sito!